Internauta scrive una lettera all’assessore al Verde pubblico, per chiedere che vengano presi provvedimenti per risolvere lo stato deplorevole in cui versa il parco Loffredo. “Lettera aperta alla signora Stilo, assessore al verde”, così inizia il post pubblicato dal signor Giovanni Ruotolo su Facebook.
Parco-Loffredo-interno-degrado-2015“Carissima signora – è il continuo della missiva -, stamane sono stato nel Parco Loffredo ,meglio conosciuto come Parco Bottazzi ,e malgrado le sue reiterate promesse, l’ho trovato in uno stato a dir poco deplorevole, così come le foto ben documentano”.
“Io – continua – non so più cosa fare. Non so più come esternare il mio disagio,il mio dolore nel constatare come non si riesca ad invertire la rotta, come non si riesca a dare un po’ di decoro ad un luogo dove le mamme portano i propri bimbi a giocare. Dove anche lei un giorno potrebbe portare i suoi”.
“Guardi – chiosa il signor Ruotolo -, depongo il tono ironico, anzi glielo chiedo con una certa umiltà, cerchi di fare quanto più le e’ possibile per arginare il degrado del Parco. Spenda tutte le sue energie, addirittura non dorma la notte, insomma faccia tutto quello che può per risanare questa piccola oasi di verde”.
“Sono sicuro che mi risponderà. Conoscendola, sono sicuro che non si esimerà dal darmi soddisfazione.Con simpatia, Gianni”, conclude l’internauta che ha a cuore le sorti del parco pubblico nei pressi del presidio Bottazzi. Il signor Giovanni Ruotolo non è nuovo, comunque, ad iniziative simili. A dicembre, l’internauta deluso dall’amministrazione Borriello per come è lo stato di degrado in cui versa uno dei pochi polmoni verdi a ridosso del centro cittadino scriveva: “Permane, malgrado le promesse del sindaco e dell’assessore Romina Stilo, lo stato di estremo degrado del parco Loffredo – spiegava Giovanni Ruotolo -. Se vogliamo, tanto per parafrasare una battuta di Borriello, la Svizzera e’ veramente lontanissima, quasi a una distanza siderale. Il parco versa in una situazione vergognosa”. E a quanto pare, la situazione non è migliorata molto.