L’ex calciatore corallino subentra a Merolla e dichiara: “A Torre mi ha portato l’entusiasmo”

Alberto Urban – nella foto- è il nuovo allenatore della Turris. Un nome non certo nuovo ai tifosi corallini che lo ricordano con la maglia corallina nell’indimenticabile stagione ’93- ’94 conclusasi con lo spareggio di Perugia, campionato che vide proprio nell’allora riccioluto centrocampista Urban uno dei protagonisti. Ed Urban, quella stagione, non l’ha mai dimenticata, portando sempre nel cuore quella città che seguì con tanto ardore e passione quella squadra fino allo sfortunato pareggio di Perugia:” A Torre mi ha portato l’entusiasmo perché questa città la porto nel cuore”. Sul modulo che impiegherà il neo tecnico corallino- lo scorso anno al Lavello, in passato anche sulle panchine di Venafro e Savoia- non ci saranno grosse modifiche rispetto al passato: “Non voglio modificare nulla, voglio continuare il lavoro di Merolla. Si vedrà ancora il 4-4-2 senza snaturare il lavoro precedente, apportando solo delle piccole variazioni tipiche di ogni allenatore”. “Per fortuna conosco quasi tutti i giocatori della rosa- aggiunge Urban- e con alcuni, come Verolino, ci ho perfino giocato contro. E poi questa squadra l’ho vista all’opera nella sfortunata gara casalinga con la Nocerina”. Nessun dubbio sulla cura per invertire la rotta: ” Bisogna creare di nuovo l’entusiasmo tra giocatori- presidente e tifosi. Pretendo il massimo impegno da ogni calciatore”. Ma la mente è già rivolta a domenica, quando i corallini faranno visita ad una Libertas Acate a cui il giudice sportivo ha tolto tre punti e rimettendolo quindi di nuovo in gioco nel discorso salvezza:” Mancano quattro partite e non è facile: dobbiamo fare 3-4 punti per salvarci. Domenica dobbiamo fare bene per non complicarci la vita per il discorso salvezza. Troveremo un ambiente un po’ “arrabbiato” per la penalizzazione di tre punti, ma sarà fondamentale il risultato e dovremo essere bravi a portare la fortuna dalla nostra parte”. E se gli si chiede se il suo ruolo sarà solo quello di traghettare la squadra verso una salvezza tranquilla o c’è già in piedi qualche discorso per il prossimo campionato, Urban risponde: ” Mi piace mettermi in discussione sia nel bene che nel male. Certo, in quattro partite non si può dimostrare molto, ma quando finirà il campionato, il presidente valuterà il mio operato e deciderà sul da farsi”. Intanto prima tegola per il neo tecnico corallino: l’infortunio capitato domenica scorsa a Visciano si è rivelato più serio del previsto: si parla di uno stiramento al polpaccio sinistro che terrà il centrocampista corallino fermo per tre settimane.
Andrea Liguoro




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono