L’opinione

Prendi la Turris di Brindisi e toglile umiltà ed impegno. Prendi la Turris che ha sconfitto il quotato Pomigliano e toglile abnegazione e volontà. Cosa resta? La Turris senza mordente vista all’opera contro il Fasano e quella incapace di reagire a Pianura. Se contro i pugliesi i corallini erano riusciti a rimanere a galla portando a casa almeno un punto grazie ai miracoli del suo portiere Romagnini, a Pianura la Turris è letteralmente affondata. La sensazione è che dopo quel pareggio di Brindisi dal sapore di impresa, sembra essere venuta meno quella qualità che aveva permesso a De Carlo e compagni di portarsi a ridosso della zona Play-off poche domeniche fa: la grinta. Quella che ti permette di applaudire una squadra anche se non gioca bene; quella che non lascia ragionare l’avversario quando ha la palla tra i piedi; quella che ti fa raddrizzare le partite anche quando si mettono male. Insomma, la Turris “cuore e sudore”. In assenza di questa qualità e dinanzi ad avversari ben organizzati- vedi il Fasano- o tecnicamente superiori- vedi il Pianura- la Turris non vince e non convince. Lo ha capito La Cava- nella foto- che già dopo il pareggio interno con il Fasano aveva bacchettato i suoi affermando che qualcuno si era “montato la testa” e che forse contro i pugliesi sarebbe servita una sconfitta per far tornare qualcuno con i piedi per terra. Detto, fatto: la sconfitta è arrivata sette giorni più tardi. Non che a Pianura si pretendesse la vittoria, ma il modo non è stato certo dignitoso. Perdere cinque a uno fa male soprattutto quando sai che questa squadra, quando vuole, può quantomeno rendere difficile la vita anche ad una corazzata. A dirla tutta, si potrebbero cercare delle attenuanti: con il Fasano il campo era ai limiti della praticabilità, ma su quello stesso campo i pugliesi hanno mostrato belle trame di gioco e poi l’impegno non dipende certo dalle condizioni del terreno di gioco. A Pianura, invece, il primo gol è scaturito da una clamorosa incertezza del guardalinee che ha prima alzato la bandierina per segnalare un fuorigioco- con i difensori corallini che intanto si erano fermati- e dopo poco l’ha abbassata consentendo a Manzo di involarsi e battere Romagnini. I corallini hanno perso la testa ed il secondo gol di Manzi prima su una strepitosa punizione dalla distanza- esecuzioni che non riescono tutte le domeniche- ed il liscio di Romagnini poi hanno di fatto chiuso il match già nel primo tempo. La classifica adesso vede i corallini a più sette dalla zona Play-Out e a meno quattro dalla zona Play-Off. Si potrebbe ancora puntare al quinto posto, ma se guardare oltre alla salvezza ha portato questa squadra a perdere quell’umiltà che la portava a combattere fino all’ultimo minuto, allora meglio vivere alla giornata e diventare ambiziosi a salvezza acquisita. Adesso si dovrà sfruttare il turno di riposo previsto domenica per riorganizzare le idee, poi al “Liguori” arriverà il S.Antonio Abate assetato di punti.
Andrea Liguoro




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono