I tifosi, non soddisfatti, chiedono la Cittadella dello Sport. Domenica 13 settembre è stato inaugurato il nuovo manto erboso sintetico dello stadio “Liguori”. Una vera corsa contro il tempo per gli operai della ditta “Gana Sport”, che sia venerdì che sabato sono stati costretti a lavorare anche di notte, un tour de force che ha avuto termine poche ore prima del fischio d’inizio della prima partita del campionato giocata in casa, riuscendo così a consegnare in tempo lo stadio alla Turris.

Il nuovo look del “Liguori” ha attirato tifosi e curiosi che da tempo non vedevano un manto erboso verde, anche se artificiale, visto le pessime condizioni in cui si sono disputati gli ultimi campionati.
Ma non manca la protesta dei tifosi che con striscioni e volantini distribuiti all’entrata dello stadio hanno sottolineato che i lavori per il sintetico non devono rallentare o sospendere i lavori per l’attesissima Cittadella dello sport; alla protesta ha assistito anche il primo cittadino, Ciro Borriello, presente allo stadio.
Alla prima sul nuovo manto erboso, la Turris impatta con la Sibilla Bacoli, con il risultato di 2-2. Una curiosità: con lo stesso risultato si è concluso l’incontro di Cava de’Tirreni, dove si affrontavano la squadra locale e la S.P.A.L. che sabato aveva fatto la rifinitura sulla “fresca” erba del “Liguori”.

Andrea Scala

Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea de La Torre 1905 in edicola il 23 settembre 2009




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono