TURRIS

(a) Torre del Greco – Il Consiglio Federale, l’ultima di campionato, l’appello di Gaglione ed il reintegro di Coppola. È un periodo denso di spunti in casa corallina. La vittoria con il Modica, sul fronte campionato, ed il reintegro di Coppola, sul fronte spogliatoio, hanno riportato serenità in un ambiente che forse ha definitivamente cancellato le scorie di quella sconfitta nella finale di Coppa Italia. In classifica, Turris al quinto posto con un punto di vantaggio sulla sesta, la Nissa. Un piazzamento che i corallini dovranno difendere nell’ultima di campionato a Rossano Calabro, perché se è vero che la semifinale Play-Off – andata 15 giugno, ritorno 19 giugno- è assicurata grazie alla Coppa Italia, è anche vero che il quinto posto garantirebbe qualche punto in più nella graduatoria ripescaggi. Già, i ripescaggi. Il Consiglio Federale della settimana scorsa ha stabilito che nella prossima stagione la Lega Pro sarà composta da 76 squadre. I ripescaggi dalla serie D, quindi, avverrebbero solo nel caso in cui fallisse un numero minimo di 15 squadre. Viste le tante situazioni disastrose delle società di Lega Pro- basta vedere le penalizzazioni comminate in questo campionato- le possibilità che almeno quindici squadre possano fallire sono concrete. La Turris, però, dovrà fare il “suo” sul campo vincendo i Play-Off, poi il resto lo dovrà fare l’imprenditoria locale. Il risultato sportivo, infatti, potrebbe non bastare se, al contempo, non i garantiranno tutte le richieste economiche avanzate dalla Lega per il salto di categoria. Ecco spiegate, allora, le parole di Gaglione nel dopo partita con il Modica: “Io da solo non posso garantire il ripescaggio in serie C. Anzi, siamo ad un bivio: o Lega Pro o chiudo con la Turris. Non avrebbe più senso vivacchiare in queste categorie dalle quali sarà sempre più difficile uscirne anche in vista delle riforma dei campionati”. “Servono dai sette ai dieci soci”, ha tuonato il presidente. Si preannuncia l’ennesima estate calda.
Andrea Liguoro
 
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 4 maggio 2011




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono