SALUTE E BENESSERE

Dopo l’estate è possibile accorgersi che l’abbronzatura ottenuta non è perfettamente omogenea, ma piuttosto
a pois! Le chiazze biancastre, localizzate soprattutto al tronco, al collo e alla radice degli arti, sono l’effetto di un’infezione micotica nota come Pitiriasi versicolor. Il fungo responsabile è capace di produrre sostanze che interferiscono con la sintesi della melanina: di conseguenza le aree da esso colonizzate non potranno pigmentarsi al sole, risultando più chiare rispetto alla cute circostante.
Tale fungo, erroneamente noto come “fungo di mare”, è presente sulla pelle di ognuno di noi, pertanto la malattia non è contagiosa; in particolari condizioni, come clima caldo-umido, eccessiva sudorazione, abbassamento delle difese immunitarie, esso diventa patogeno e provoca la comparsa delle chiazze.
E’ opportuno rivolgersi prontamente al dermatologo, sia al fine di porre la corretta diagnosi, in quanto altre patologie possono provocare manifestazioni simili, sia per iniziare la terapia più idonea, topica e/o sistemica. In alcuni soggetti predisposti, in cui tale malattia può recidivare, è, inoltre, utile attuare un’adeguata
terapia preventiva.
Dott.ssa Luigia Panariello Medico-Chirurgo
 
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 28 settembre 2011




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono