Torre del Greco – La campagna elettorale per le amministrative 2018 è ancora in fase embrionale, ogni schieramento sta studiando come presentarsi ai blocchi di partenza, ed ognuno, cautamente, tende a non svelare i propri piani.

Fortunatamente c’è ancora chi ha il coraggio di esporsi esprimendo il proprio pensiero: stiamo parlando di Antonio Spierto, ex vicesindaco (uno dei tre nominati da Ciro Borriello nella sua ultima esperienza da sindaco di Torre del Greco).

L’abbiamo intervistato, ecco quanto ci ha dichiarato:

“Mi sono sempre occupato dell’amministrazione di Torre del Greco, mi reputo più un amministratore che un politico – anche se, ad onor del vero, sono sempre stato eletto dal popolo -. C’è chi si occupa più della fase politica e chi più della fase amministrativa, ed io Torre l’ho curata sempre come amministratore”

Ci sono figure adatte a ricoprire il ruolo di sindaco?
“Stiamo facendo vari incontri con la ex coalizione di maggioranza, se fra i  parametri di valutazione saranno compresi anche l’esperienza amministrativa, la competenza e la trasparenza, potrei anche essere il prossimo aspirante candidato sindaco. Ci stiamo confrontando in attesa della fase cruciale che sarà intorno a gennaio. Sono stato eletto sempre nelle file di  Forza Italia , il mio punto di riferimento è stato per molto tempo Ciro (Borriello, ndr), e non rinnego la sua capacità decisionale e la voglia di fare le cose per il bene comune. In più presenterò una lista civica

Questa lista civica sarà apartitica o di Destra?
“Quando ero un teenager, esisteva la DC e il PCI, che erano due identità ben definite: oggi, a livello nazionale, non esiste questa distinzione, figuriamoci a livello locale. Una decina di anni fa mi sono posto il problema se aderire al Centrodestra o centrosinistra: mi sono sempre considerato un democristiano nel senso più nobile della parola, un democristiano alla Luigi Sturzo per intenderci. Oggi, ad esempio, nel PD vedo molta Democrazia Cristiana, quindi non possiamo più usare le etichette Destra-Sinistra per definire  una identità politica”.

Antonio Spierto, secondo le sue parole, sembra essere la prima vera e propria proposta concreta verso le amministrative 2018, considerando che, sempre secondo lui, racchiude in sé la competenza tecnica di un amministratore e la competenza comunicativa di un politico: se così, i cittadini torresi hanno da aspettarsi grandi cose da questo capitano di lungo corso.

Fabio Cirillo




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono