Torre del Greco – Se in alcune zone della penisola il Movimento cinque stelle sta ottenendo un grande riscontro, qui a Torre del Greco la situazione sembra diversa, i pentastellati non sembrano ottenere quel favore popolare che altrove gli permette di esprimersi.

Il Movimento è comunque tra le realtà politiche presenti nel nostro territorio, abbiamo quindi deciso di ascoltare Ludovico D’Elia, Ex candidato sindaco ed Ex consigliere comunale proprio con M5S.

Qual è la situazione della politica Torrese?

“In merito alla sua premessa, in altre realtà dove adesso stiamo governando, con ottimi risultati a favore dei cittadini, abbiamo avuto prima un solo consigliere ed in seguito si è andati a governare la città come a Pomezia, loro elettoralmente hanno avuto la possibilità di concorrere elettoralmente prima di noi, noi a Torre puntiamo a ripetere lo stesso iter, tornando alla domanda sulle altre realtà politiche”.

“Io vedo – continua – che grosse novità oltre noi , purtroppo per la città , non ce ne sono, praticamente le persone che si presentano e i discorsi che si fanno sono i soliti, e questa non è una buona notizia, al di là di chi deciderà di stare in una casella piuttosto che in un’altra”.

“Noi – aggiunge – abbiamo paradigmi diversi, noi cerchiamo di portare discorsi che vadano oltre l’aspetto prettamente politico, nel nostro spazio stiamo facendo diversi incontri – ad esempio settimana scorsa c’è stato l’assessore di Pomezia, ce ne saranno altri con esperti del nostro territorio – . Noi presentiamo un discorso di formazione sia del cittadino che dell’attivista”.

Il nostro vecchio programma – chiosa – era già ben definito, ma deve essere integrato rispetto a tre anni fa, Abbiamo apportato ulteriori nuove idee alle possibilità di offerta culturale e turistica per la città stiamo lavorando ora sull’Ambiente ed i rifiuti  dove alcune normative a livello regionale  sono cambiate:   c’è l’EDA; ci sono cambiamenti anche sul compostaggio che meritano maggiore attenzione sulla definizione di compost e sulle metodologie per ottenerlo ecc.”

Sarà sempre lei il candidato sindaco del Movimento?

“Il nostro scopo è il bene comune, la formazione del cittadino… non c’è da parte mia la volontà di dover reclamare un determinato ruolo in virtù dei sacrifici fatti – come accade in altre realtà politiche -, a prescindere da quale sarà la mia scelta la mia parte nel movimento continuerò a farla.”

Cosa non è andato bene nelle scorse elezioni amministrative?

“Era la nostra prima campagna elettorale a Torre del Greco, il nostro rapporto con i media era tutto da definire, sono stati certamente fatti degli errori d’approccio con i media anche se, dall’altra parte, riteniamo che in alcuni casi c’era la volontà di interpretare le nostre azioni facendole rientrare in uno storytelling predeterminato.”

Fabio Cirillo




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono