Cinque i politici che si giocano la partita per la Giunta Regionale

(a) Torre del Greco – Il 28 e il 29 marzo saremo chiamati a votare il Presidente della Giunta regionale della Campania, colui che succederà ad Antonio Bassolino. In vista di un’impegnativa campagna elettorale i candidati già si sfidano su questioni come lavoro, sviluppo del territorio, sanità, nucleare, rifiuti, eccetera. Cinque gli aspiranti per la massima carica di palazzo Santa Lucia. Stefano Caldoro, candidato alla presidenza della regione Campania dalla coalizione di centro destra. Caldoro, giornalista e direttore del quotidiano SocialistaLab, è al momento deputato del Popolo della Libertà e segretario del Nuovo Partito Socialista Italiano. La coalizione di centro sinistra ha invece designato come possibile governatore della regione Vincenzo De Luca, per la terza volta sindaco di Salerno ed ex deputato Ds. De Luca si è sempre dichiarato un riformista di sinistra. La sua è una candidatura controversa per i vari procedimenti giudiziari in cui il sindaco è coinvolto. La Federazione di Sinistra, non condividendo la candidatura di De Luca come rappresentante della sinistra, ha ritenuto opportuno presentare come alternativa l’attuale Segretario Nazionale di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero. Michele Antonio Giliberti , coordinatore generale di Forza Nuova, è il candidato di Forza Nuova. Il quinto aspirante alla presidenza della regione Campania è Roberto Fico, organizzatore del Meetup di Napoli, da lungo tempo impegnato al fianco dei cittadini nell’affrontare problemi come la privatizzazione dell’acqua, gli inceneritori e così via. Fico è candidato per il Movimento Cinque Stelle lanciato da Beppe Grillo: il movimento presenta un programma ben definito che punta l’attenzione su temi quali istruzione, trasporti, ambiente ed energia.
Maria Iovine
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 3 marzo 2010




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono