Al via le celebrazioni religiose organizzate dalla Basilica Pontificia di Santa Croce di Torre del Greco per la canonizzazione del parroco santo Vincenzo Romano. Il programma dettagliato degli eventi sarà distribuito a tutti i fedeli in Parrocchia sabato 15 e domenica 16 settembre durante le messe.

Si comincia mercoledì 19 settembre con una processione alle 20,30 nel centro storico di Torre del Greco. Nel giorno della Solennità di San Gennaro, patrono della città, le reliquie del Beato e il busto di San Gennaro, dopo la messa delle 19,30, attraverseranno via Beato Vincenzo Romano, Corso Umberto, via Piscopia (dove c’è la casa del parroco santo), via Roma, via Salvator Noto e torneranno in piazza Santa Croce.

Il 20 settembre, alle 17 in Basilica, ci sarà la Liturgia di inizio Peregrinatio: fino al 12 ottobre le reliquie del Beato toccheranno diverse chiese dell”area vesuviana. Prima tappa, la parrocchia Santa Teresa di Gesù, piazza Cesaro a Torre Annunziata. A seguire Trecase, Santa Maria La Bruna (28 e 29 settembre), Ercolano, Portici e Procida.

L’apertura dei festeggiamenti per la canonizzazione è fissata per domenica 7 ottobre: a mezzogiorno il coro Iubilate Deo animerà la messa con la supplica. Alle 18,30 celebrerà la messa del pomeriggio monsignor Antonio De Luca, vescovo di Teggiano Policastro. A seguire, la benedizione degli stendardi dedicati al Santo e sfilata in piazza; esposizione delle bandiere e del labaro al campanile; accensione delle luminarie e canto dell’Inno al Beato.
Altro momento significativo, il 12 ottobre alle 18,30, quando le reliquie del Santo, di ritorno da Procida, a bordo della motovedetta della Guardia Costiera, arriveranno al Porto di Torre del Greco, accompagnate dai pescherecci e dalle barche. A seguire ci sarà la processione verso la Basilica di Santa Croce con partenza dalla banchina del porto e saluto della comunità di Portosalvo: il Beato attraverserà corso Garibaldi, Ponte di Gavina, via Agostinella, largo San Giuseppe dove ci sarà il saluto della comunità parrocchiale, via XX Settembre, corso Umberto, via B. Vincenzo Romano e piazza Santa Croce.

Alla mezzanotte del 13 ottobre le campane della Basilica Pontificia suoneranno a festa per annunciare il giorno della canonizzazione.
Il 14 ottobre, alle 10, si terrà a Roma in piazza San Pietro la Celebrazione presieduta da papa Francesco alla quale parteciperanno i pellegrini torresi e napoletani.
La Basilica Pontificia di Santa Croce a Torre del Greco, il 14 ottobre, resterà aperta fino alle 24 e saranno celebrate le messe alle 8,30 – 10,30 – 12 – 18,30. Alla mezzanotte il suono delle campane chiuderà il giorno della Canonizzazione.
Dal 15 al 21 ottobre le celebrazioni nella Basilica di Santa Croce saranno presiedute dai parroci della città e della diocesi: sabato 20 ci sarà la “Notte sacra” con eventi religiosi e culturali e l’atteso Te Deum col coro Iubilate Deo.
Il 21 ottobre alle 16 le reliquie del santo Vincenzo Romano saranno portate in Cattedrale a Napoli per una messa di ringraziamento, alle 18,30, con il Cardinale Crescenzio Sepe e i vescovi della Campania.
Dal 22 al 26 ottobre le reliquie del Santo resteranno a Melito, nella parrocchia dedicata al parroco di Torre del Greco.
Il 26 ottobre San Vincenzo Romano tornerà nella sua città e farà sosta nella chiesa del Carmine, in piazza Luigi Palomba: in questa parrocchia don Vincenzo venne ospitato dopo l’eruzione del 1794 e da qui partì per ricostruire la Basilica di Santa Croce distrutta dalla lava e dal fuoco.
Il 27 ottobre le reliquie torneranno in Santa Croce con una processione, alle 19,30, che attraverserà piazza Palomba, via Piscopia, via Roma, via Vittorio Veneto, corso Avezzana, via Circumvallazione, corso Vittorio Emanuele e via Diego Colamarino.
Il 28 ottobre, alle 18,30 nella Basilica di Santa Croce, sarà celebrata la messa di ringraziamento.
Si terrà invece al teatro Corallo, il musical dei giovani sul parroco santo: appuntamento per il 16, 17 e 18 novembre.

Confermata per il 29 novembre la festa liturgica di San Vincenzo Romano.
“Per onorare la carità del nostro sacerdote santo nelle parrocchie a lui dedicate in Uganda, Guatemala e Melito”, spiega il parroco di Santa Croce, don Giosuè Lombardo, “saranno sostenute opere in favore dei bisognosi e per le tre mense del decanato. Si potrà concorrere con offerte libere e con l’acquisto delle nuova biografia”.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono