Teatro

Anna Maria Nazzaro presenta I ragazzi de l’Accademia Cuore in Concertando Napoli
Martedì 5 giugno alle ore 20 presso il Teatro Corallo in Villa Comunale a Torre del Greco Anna Maria Nazzaro presenterà Concertando Napoli – un musical di canzoni del repertorio classico napoletano. Alcune delle più note del 700/800 cantate da Annamaria Nazzaro e accompagnate dal fratello Maurizo-attualmente impegnato in un Cd realizzato dalle comunità pugliesi a favore delle fasce deboli. Sono canzoni d’amore e di solidarietà sociale musicate in quadri amorevoli. Maurizio Nazzaro accompagnerà in tutta Italia con la sua musica dibattiti sulle tematiche sociali attraverso i diversi colori della musica come terapia.

Ritornando al musical Anna Maria Nazzaro e i suoi allievi si sono dedicati anima e corpo per la realizzazione dello spettacolo. Hanno fatto tutto con le loro mani e la loro fantasia oltre che con la notevole preparazione artistica. Hanno preparato costumi, le scene sono state curate da Franco De Stefano e Michele Pontillo, le coreografie da Jessica e Marica Crispino e Anna Maria De Lucia, i costumi di Maddalena Marrazzo e arrangiamenti curati dallo studio Alleria Recordings di Enzo Pistilli. La regista dello spettacolo Anna Maria Nazzaro coadiuvata da Yuri Mirko Alfano – ci tiene a precisare che questo recital e musical l’ha voluto fortemente perché è importante tramandare ai giovani la tradizione culturale napoletana. E di giovani la vulcanica Anna Maria se ne intende in quanto la sua Accademia Cuore (di Via Nazionale zona Leopardi 081.883.44.60) è circondata dall’effervescenza dei ragazzi.

Per quanto riguarda il fratello Gianni attualmente è impegnato a girare le scene sul set di Incantesimo, la popolare fiction targata Rai Uno in onda ogni pomeriggio alle 14.45 e dove vede Gianni Nazzaro indossare il camice bianco e vestire gli abiti di un medico specialista.

Rossella Saluzzo
r.saluzzo@ephemerides.it




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono