E’ giallo sulle cause che hanno determinato lo schianto della Vespa

Torre del Greco – Sono a quota tredici le vittime della strada che Torre del Greco ha registrato durante il periodo estivo. Alfredo Cascone, 33enne di Pompei, e Luigi Matrone, 26enne di Scafati, sono gli ultimi due nomi di questa lista nera. Durante l’ultima notte di agosto i due ragazzi, in sella ad una Vespa 125, hanno perso il controllo del veicolo per cause ancora ignote e si sino schiantati contro un’impalatura all’altezza del civico 998 di via Nazionale, nelle vicinanze del Tribunale di Torre Annunziata. Un impatto tremendo che non ha dato nessuno scampo: Alfredo Cascone e Luigi Matrone sono morti sul colpo. I due erano diretti a Torre del Greco da Pompei, precisamente dal Royal Bar, di cui Alfredo Cascone era il gestore e Luigi Matrone un dipendente. All’origine della passeggiata notturna c’era un gesto di cortesia: una cameriera del locale, residente a Torre del Greco, aveva dimenticato la sua borsa sul bancone ed i due ragazzi avevano pensato di riportargliela a casa dopo la chiusura del bar. Il conducente della Vespa ha perso il controllo: i due ragazzi si sono schiantati dapprima contro il palo in ferro posto al margine del marciapiede e poi sono caduti sull’asfalto. Ad accorgersi dell’incidente sono stati i dipendenti della ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti a Torre del Greco: due netturbini hanno notato i corpi riversi sull’asfalto, l’uno sull’altro, ed hanno subito chiamato i soccorsi. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118, ma per i due giovani non c’era già nulla da fare: le lesioni interne hanno determinato la morte di entrambi. Nemmeno il casco ha salvato loro la vita. I militari della compagnia di Torre del Greco hanno avviato le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. A causare l’incidente potrebbe essere stata una macchia d’olio sull’asfalto, ma non è escluso che uno dei due giovani sia stato colpito da un malore mentre era alla guida della Vespa. A stabilire la causa della morte di Alfredo Cascone e Luigi Matrone sarà l’autopsia, disposta su ordine della procura di Torre Annunziata. I rilievi dovranno accertare anche l’eventuale presenza di auto o moto al momento dell’incidente. I carabinieri stanno indagando sul perché l’impalcatura non presentasse né la cartellonistica né le luci di segnalazione previste per legge.

M.C.Izzo




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono