In mostra gli scatti della peggio Torre del Greco

Torre del Greco – Gli scatti che ritraggono la ‘peggio’ Torre del Greco al centro di un contest fotografico promosso per gli inizi di luglio. E’ l’ultima provocazione lanciata dall’Udc di Torre del Greco, sezione don Luigi Sturzo: dopo i sit in contro il megadepuratore industriale e le proteste contro la privatizzazione dell’ospedale, la squadra del commissario Filippo Colantonio scende in campo con una singolare iniziativa. Immortalare su carta fotografica gli aspetti piu’ degradanti della città per riuscire a cambiarli. La gara ha per titolo l’eloquente nome di “La città che nn voglio” e si terrà il primo, il due e il tre luglio, proprio in concomitanza con la Festa dei Quattro Altari, tradizionalmente considerata vetrina positiva per la città di Torre del Greco. L’appuntamento è alla sezione don Luigi Sturzo di via Guglielmo Marconi per tutti i fotografi del paese, dilettanti o aspiranti che siano. “La nostra è una provocazione seria – spiega il commissario cittadino, Luigi Colantonio – Vogliamo mettere in mostra gli aspetti piu’ brutti e mortificanti del paese perché chi ci governa ne prenda atto e faccia qualcosa per intervenire concretamente. Non vogliamo cartoline, ma immagini spietate e crudeli che ci raccontino tutti i mali di Torre del Greco. Di fronte alle foto-scandalo, sarà impossibile per l’amministrazione del sindaco Ciro Borriello restare con le mani in mano”. I tre scatti piu’ impietosi finiranno sul podio: gli autori si aggiudicheranno targhe, coppe e macchine fotografiche. A valutare le immagini una giuria tecnica composta da esperti del settore. Il regolamento di partecipazione alla gara e gli inviti ad aderire al contest sono già pubblicati sulla pagina Facebook dell’Udc sezione don Sturzo. “La competizione si svolgerà anche su Fb perché è proprio sul web – conclude Colantonio – che corrono le piu’ feroci proteste contro il degrado di Torre del Greco”.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono