Solo l’intervento della polizia municipale e di una squadra di operai ha evitato il peggio

Solo il tempestivo intervento della polizia municipale e degli addetti alla manutenzione del sistema di illuminazione ha evitato che si verificasse una vera e propria strage per le vie del centro: la parte alta di un grosso palo della luce, quella che per intenderci culmina nell’intreccio di fili collegati al lampione, ha cominciato a barcollare vistosamente. E così alcuni passanti, quando erano circa le 16 di ieri, hanno prontamente avvisato i caschi bianchi per evitare che l’ammasso di cemento si potesse bruscamente riversare sull’asfalto di corso Vittorio Emanuele, potendo dar vita ad una vera e propria disastro. Le forze dell’ordine, intervenute sul posto, subito hanno bloccato il traffico, deviando il flusso di auto da via Cesare Battisti verso la villa comunale e chiudendo la strada all’altezza della chiesa di Santa Maria del Popolo e del 6° Circolo. Pochi minuti dopo l’intervento degli operai: tramite un’autogrù gli addetti alla manutenzione dell’impianto di illuminazione hanno proceduto al completo sradicamento del palo della luce. “La zona – afferma Antonio, studente e residente nei pressi dell’accaduto – dovrebbe essere maggiormente tutelata. È palese che i pali della luce siano usurati, e che necessiterebbero di una ‘bonifica’ quanto prima”.
L’episodio ha riportato alla mente la strage consumatasi mesi fa a Napoli, quando Fabiola Di Capua morì dopo essere stata colpita da un palo della luce mentre attraversava in sella al suo scooter via Caracciolo.
niar




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono