Intanto il comitato Pro Maresca incontra Zuccatelli

Torre del Greco – Il reparto di medicina interna dell’ospedale Maresca ieri pomeriggio è stato sottoposto a sequestro dal nucleo antiabusivismo della Polizia Municipale. Secondo indiscrezioni il sequestro sarebbe dovuto alla mancata presenza delle autorizzazioni necessarie per gli interventi di manutenzione straordinaria in corso da mesi nel reparto. L’intervento dei vigili sarebbe avvenuto in seguito alla segnalazione fatta dagli agenti del commissariato di via Marconi, accorsi sul posto per sedare una serie di contrasti sorti durante una riunione tra alcuni rappresentanti del comitato Pro Maresca ed il primario di medicina interna, Vittorio De Feo. Le Forze dell’Ordine, in seguito al sequestro, hanno fatto scattare una denuncia penale nei confronti del committente delle opere, il Direttore sanitario dell’ospedale Ugo Esposito. Vittorio Russo, Commissario straordinario dell’ASL Na3 Sud, in quanto responsabile della strttura, dovrà rispondere dello stesso reato.
Intanto nuovi possibili scenari si aprono sulla questione Maresca. Una delegazione del comitato Pro Maresca, composta da cinque persone divise tra occupanti del terzo e quarto piano, un ingegnere e parte dell’avvocatura che ha presentato il rincorso al TAR il 26 novembre, incontrerà il sub-commissario alla sanità campana, Giuseppe Zuccatelli. L’incontro è stato ottenuto grazie alla mediazione dal segretario della camera generale del lavoro di Torre del Greco, Luca Chiusel.
“Ragioneremo sulle problematiche della sanità torrese – dichiara Chiusel – il 6 dicembre la CGIL e le altre organizzazioni sindacali avranno un incontro con Russo nella sede della direzione sanitaria dell’ASL NA3 a Castellammare di Stabia” .
Pare, dunque, muoversi qualcosa sul fronte istituzionale dopo le numerose manifestazioni ed i cortei che hanno caratterizzato gli ultimi mesi della vita cittadina.

Carmine Apice




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono