Bisogna scendere in campo, chiunque avrebbe potuto essere protagonista dei gravi episodi di cronaca

Ormai è noto a tutti: la città e i torresi vivono in uno stato di malessere. La causa è la cattiva politica, il disinteresse dei nostri governanti verso la collettività e il benessere comune. E a pagarne le spese sono i cittadini. Tutto questo noi de La Torre lo stiamo denunciando da anni, tra l’indifferenza dei cittadini e la noncuranza dei politici locali.
Ma tutto ciò può cambiare? La risposta è una e una sola: SI. In che modo? Con manifestazioni, interesse e amore verso la città, pensando al bene di tutti, e non solo a quello individuale. Quanto accaduto nei giorni scorsi lascia riflettere non poco: chiunque avrebbe potuto essere protagonista dei gravi episodi di cronaca registrati a Torre del Greco. In particolare, a causa del depotenziamento del Maresca e, presumibilmente, del loro trasferimento in altra struttura una donna incinta ha perso la vita ed un uomo è stato stroncato da un infarto senza avere la possibilità di evitare la tragedia. Dobbiamo scendere nelle piazze, manifestare civilmente, denunciare chi non lavora o chi lavora male. Bisogna fare in modo che i nostri diritti essenziali e primari vengano rispettati. I nostri politici, nonostante i loro lauti stipendi, ci governano malissimo: antepongono l’interesse privato e personale a quello della collettività. Anche a livello comunale, nonostante ci siano alcuni dirigenti e politici ricompensati adeguatamente, il lavoro è da considerarsi scarso. Ma oltre agli stipendi si deve pensare agli sprechi, l’elenco è lungo ma citiamo alcuni esempi: le consulenze; i passaggi pedonali rialzati; l’acquisto per oltre 2milioni di euro dell’ex sementificio; la Festa dei 4 Altari non più fatta; l’elevato costo della TARSU e, infine ma non da ultimo, i troppi premi ai dirigenti e altri soggetti. Questi stessi premi, invece, dovrebbero essere dati veramente a chi li merita e al raggiungimenti degli obiettivi. etc. Questi sono tutti sprechi perpetrati tra l’indifferenza di noi cittadini. La Torre "grida" da anni questo malessere: solo alcuni ci ascoltano, solo a pochi arriva realmente il nostro sdegno e il nostro grido d’allarme. E’ anche causa di
questi sprechi, sommati a quelli che sicuramente avvengono a livello regionale, se poi mancano i fondi necessari a garantire ciò che veramente è essenziale, come una struttura ospedaliera. E’ arrivato il momento che volti nuovi si
avvicinino alla politica: lo gridiamo ormai da anni. Siamo circondati di incompetenti (ovviamente ci sono anche le eccezioni) che ci stanno rovinando sotto tutti i punti di vista. La crisi che colpisce tutti ci deve realmente far prendere atto che non è possibile stare più a guardare, bisogna scendere in campo, rimboccarsi le maniche, lasciare spazio ai fatti e parlare di meno. E’ giunto, ora più che mai, il momento di avere il coraggio e di agire. Non serve a nessuno
lagnarsi o aspettare che gli altri ci risolvano i problemi: allo stato dei fatti è evidente che questi politici non siano stati capaci di perseguire l’interesse collettivo. Ma riflettiamo un attimo, la malapolitica uccide? E’ giusto negare la possibilità a noi cittadini di avere il Maresca, il diritto alla salute e qualsiasi altro servizio che ci spetta, sprecare soldi pubblici per interessi personali, mortificare continuamente l’interesse pubblico a favore di quello privato? La vera protesta, come è già accaduta a Napoli con l’elezione di un Sindaco dal volto nuovo, deve avvenire nelle urne. I torresi devono lottare affinché questa situazione di stallo, generata dalla mala politica, abbia finalmente fine.
Antonio Civitillo
 
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea il 26 ottobre 2011




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono