Napoli – L’altra notte gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Giovanni, unitamente ad un equipaggio del Commissariato Ponticelli, hanno arrestato un 56enne napoletano, C.G. per maltrattamenti reiterati, nei confronti della moglie, della figlia e della suocera, nonché lesioni e minacce.

I poliziotti del Commissariato San Giovanni, in servizio di controllo del territorio sulla fascia oraria notturna, su disposizione della locale sala Operativa, verso le 2.30, sono andati presso l’abitazione di via dei Mosaici per una violente lite in famiglia. Giunti sul posto, hanno trovato una casa devastata , con tavolo ribaltato e tanti cocci frantumati sul pavimento e C. G. in evidentissimo stato di agitazione che inveiva contro i familiari, in particolare contro tre donne presenti sul posto, molto spaventate e doloranti. L’ausilio dei poliziotti del Commissariato Ponticelli è stato propedeutico per bloccare ed identificare l’uomo che nonostante la presenza degli agenti, continuava a minacciare di morte le donne.

Ricondotta la calma, i poliziotti hanno appreso dalla moglie P.M. di 48 anni, che la famiglia era appena rientrata dal banchetto nunziale di uno dei loro figli e che il marito aveva iniziato a dare segni di agitazione già durante la festa ma lei era riuscita a tenerlo a bada, per non rovinare la festa al figlio ma, giunti in casa non era stato più possibile fermarlo. Tali episodi la donna ha riferito che si ripetevano da tanto e che lei aveva spesso denunciato i maltrattamenti del marito intraprendendo anche la strada della separazione alla quale il marito si opponeva. Nella circostanza di quella lite, aveva aggredito con schiaffi e calci, prima la figlia di 21 anni che tentava di calmarlo, insultandola pesantemente, subito dopo la moglie e poi la suocera, sebbene fosse una donna anziana. La figlia e la nonna sono dovute ricorrere alle cure mediche mentre la moglie si è riservata di farlo in seguito. L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti, lesioni e minacce aggravate , e l’autorità giudiziaria, opportunamente notiziata ha disposto l’accompagnamento dell’uomo presso la Casa circondariale di Napoli Poggioreale.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono