“Cosa succederebbe se il corallo entrasse in CITES?”

(i) Torre del Greco – “Cosa succederebbe se il corallo entrasse in CITES?”: questa la domanda posta ad alcune aziende del settore per comprendere al meglio il loro punto di vista.

Ditta Ascione G. e Figlio: L’appesantimento burocratico ridurrà notevolmente la vendita dei prodotti da esso derivato. Gli acquirenti potrebbero essere scoraggiati da una eccessiva burocrazia e costi nelle importazioni, con conseguente eliminazione degli articoli in corallo nei loro assortimenti.

Azienda Condito Giovanni: Crollo della domanda di articoli di corallo, chiusura aziende ed un impatto economico e sociale estremamente negativo sul territorio.

Azienda Del Gatto: Catapulterebbe l’intero comparto in una spirale negativa: aggravio burocratico per tutte le aziende torresi e mondiali; aumento costi di gestione; significativa contrazione del commercio internazionale; cessazione di molte piccole attività artigianali; perdita di migliaia di posti di lavoro, morte economica e culturale della nostra città.

Azienda Iacobelli F.lli: Eccessiva burocratizzazione per il commercio. L’inclusione in Cites non garantisce tutela della risorsa né gestione sostenibile della stessa.

Azienda Mattia Mazza: Gravi conseguenze all’attività produttiva e commerciale sul territorio. Ditta Borriello Gennaro: Incremento della crisi dell’economia torrese già da tempo precaria e perdita di posti di lavoro.

Ditta Aucella: Significherebbe abbandonare la lavorazione e commercializzazione del Corallo

Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 2 dicembre 2009

Articoli correlati:
<a target=_top" href="http://www.latorre1905.it/home/leggiNotizia.asp?ID=2703">L’America Contro Torre del Greco</a>




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono