La Basilica di Santa Croce chiede il risarcimento danni causati dall’incendio verificatosi durante l’ultima notte del 2008

Torre del Greco – Finirà davanti al giudice il braccio di ferro tra la Basilica di Santa Croce e l’amministrazione comunale. Il pomo della discordia è l’incendio che avvenne il 31 dicembre del 2008, che causò ingenti danni alla fiancata della chiesa e di numerose abitazioni nelle vicinanze.
Il rogo fu causato da numerosi cumuli di spazzatura che giacevano alla rinfusa nello spiazzale vicino la chiesa, dove ogni giorno si svolge il mercato rionale.
Il parroco, Don Giosuè, aveva più volte segnalato la presenza di quei cumuli di spazzatura che rappresentavano un pericolo per la Basilica. Infatti, una settimana prima dell’accaduto, Don Giosuè presentò la richiesta per la raccolta dei rifiuti antistanti la piazzetta, senza trovare un riscontro.
L’amministrazione comunale ha affermato di non ritenersi colpevole dei fatti della notte di San Silvestro, quindi la controversia finirà in tribunale. Tuttavia il Comune, ha avvisato la ditta che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, Ecologia Saba, che, in caso di giudizio negativo, la ditta stessa dovrà pagare i danni alla Basilica.

Andrea Scala




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono