I genitori degli scolaretti contro il servizio mensa

(a) Torre del Greco – I genitori degli alunni del Plesso Giovanni Paolo II del Circolo Didattico “Nazario Sauro” sul piede di guerra. Ad essere messo sotto accusa dai genitori dei piccoli scolaretti del plesso di via Curtoli, per somministrazione di cibo avariato, è il servizio della mensa scolastica. In più occasioni i genitori, le maestre, i collaboratori scolastici hanno fatto presente alle Autorità Competenti le precarie condizioni igieniche e di conservazioni degli alimenti serviti durante la pausa pranzo ai piccoli allievi, ma nulla si è mosso. In particolare sono stati serviti pietanze tra cui yogurt scaduti, pesce con spine non rimosse e frutta marcia. Inoltre è stata rilevata la cattiva conservazione di prosciutto ed insaccati in sottovuoto che all’apertura emanavano cattivo odore, oltre ad essere privi di etichetta. Tutto ciò, causa anche la carenza igienica, ha fatto si che si rilevassero molti casi di malessere gastro-intestinale. “Credo nell’istruzione pubblica – afferma Vincenza Mito, una delle madri -. Il più grande rammarico è perché i servizi comunali devono essere sempre sinonimo di mal funzionamento? Desideriamo soltanto un maggior controllo del servizio di mensa che fino ha pochi mesi fa ha ben funzionato. Siamo – così conclude – contrari a qualsiasi forma di privatizzazione”. Ad onor di cronaca, il servizio ha ben funzionato fino a due mesi fa e a breve il servizio sarà privatizzato; ma il processo ha subito un brusco stop dal dirigente Francesco Panariello. Sono ben due sono le gare di appalto annullate dal dirigente in meno di 24ore ed una riguarda proprio il bando della privatizzazione della refezione scolastica da 6,8 milioni di euro. Uno STOP non chiaro che provoca molto sconcerto e malumore tra alcuni esponenti della maggioranza..
Antonio Civitillo
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 31 marzo 2010




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono