Torre del Greco – Si celebrerà domani venerdì 4 Dicembre la ricorrenza della festa di S. Barbara, Patrona della Marina Militare, nell’area portuale – banchina di Levante – del porto di Torre del Greco.
I festeggiamenti avranno inizio in maniera solenne alle ore 10,00 in S. Maria di Portosalvo, ove il Parroco Don Franco Rivieccio officerà la Santa Messa alla presenza delle massime autorità civili e militari cittadine, degli ex Combattenti e Marinai d’Italia, dei rappresentanti dei marittimi, delle locali associazioni di volontariato, e, per l’occasione, con il picchetto d’onore formato dai marinai della Capitaneria di Porto della città ad incorniciare l’altare della storica chiesa torrese.
Il programma prevede in seguito, nell’adiacente sala “Don Luigi Acampora”, la cerimonia della consegna ufficiale dei brevetti relativi al conferimento delle medaglie d’onore a numerosi marittimi torresi che si sono distinti per “lunga navigazione”, nel segno quindi della continuità della tradizione marinara della città corallina. La medaglia conferita dal Presidente della Repubblica, in effetti, costituisce una sorta di riconoscimento alla carriera per coloro che per una vita hanno inseguito con successo la passione per il mare, portando altresì il nome di Torre del Greco in tutto il mondo.
I festeggiamenti, che si svolgeranno peraltro anche in altri Compartimenti Marittimi in tutta Italia, hanno qui a Torre del Greco il sapore del primato; basti pensare soltanto alle cifre record che caratterizzano la manifestazione: 179 marittimi per un totale di oltre 3.500 anni di navigazione che verranno premiati in una sola tornata. Secondo il Comandante del porto di Torre del Greco Capitano di Fregata Gaetano Angora, “la figura della martire Barbara, che rappresenta la capacità di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità, coglie appieno gli aspetti unificanti dell’anima civile e militare della Marina”.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono