Golfo di Napoli

Napoli – Nicola D’Abundo, il presidente dell’ Acap (associazione cabotaggio armatori partenopei) che rappresenta la totalità delle compagnie di navigazione che operano nella Regione Campania, annunzia lo stato di agitazione ed il rischio della sospensione dei collegamenti marittimi a partire dal 12 dicembre.

Lo stato di agitazione si collega alla legge finanziaria in corso d’approvazione che non contiene (nonostante le rassicurazioni dal Ministero dei Trasporti) nessuna norma per parificare le società aderenti all’Acap alle aziende armatoriali che operano in regime di cabotaggio internazionale e a quelle armatoriali europee.

Le motivazioni che porteranno allo sciopero degli associati all’ Acap sono state espresse in un documento che si allega al comunicato e che è stato inviato a tutti gli Enti preposti ed alle Istituzioni interessate al problema a partire dal Presidente del Consiglio dei Ministri.

Ufficio stampa Acap
081 808 0490
Email: acap.ufficiostampa@yahoo.it




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono