Torre del Greco – “In merito all’eventuale esclusione di Torre del Greco dai fondi regionali, desidero esprimere sincera gratitudine ad Antonio Bassolino, governatore della Campania, per il suo alto senso alto di sensibilità istituzionale nell’avermi immediatamente ricevuto e soprattutto per aver condiviso le mie ragioni volte ad ottenere la massima attenzione per un rilancio economico e strutturale di un territorio vastissimo e con una alta densità abitativa come quella torrese”. Così Ciro Borriello, sindaco di Torre del Greco. “È stato un incontro cordiale e proficuo – prosegue – per questo sono fiducioso di ottenere finalmente dopo anni e anni di abbandono risposte concrete per mettere mano ai diversi progetti presentati alla regione, in gran parte esecutivi e già avviati. Proposte e strategie importanti e assolutamente fondamentali per consentire una rigenerazione urbana e un aumento del livello sociale e culturale. In proposito, il presidente Bassolino, nell’apprezzare le nostre iniziative, in particolare quelle di collettare le acque reflue della città con foce Sarno, di aprire una bretella autostradale, parallela alla Via Nazionale, della realizzazione del porto culturale e della riqualificazione di uno dei più preziosi complessi archeologici industriali della Campania, gli ex Molini Meridionali Marzoli, mi ha assicurato che terrà un incontro con il suo staff tecnico per valutare tutte le possibili opportunità tese a sostenere le nostre istanze”. “Sarebbe un momento di straordinaria importanza – conclude Borriello – non solo per l’Amministrazione comunale che è determinata ad ottenere la giusta attenzione dai vertici regionali, ma soprattutto per un territorio che è sulla via della riqualificazione e della rigenerazione urbana e strutturale, nonché fortemente proiettato ad innalzare la qualità della vita. Con questi propositi, sono ragionevolmente certo che adesso dalle promesse seguiranno i fatti”.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono