Economia

Torre del Greco, 4 maggio – Nell’annuale riunione, tenutasi a Palazzo Vallelonga, lo scorso 29 aprile, l’assemblea ordinaria dei Soci della Banca di Credito Popolare ha approvato all’unanimità la relazione degli amministratori sulla gestione, il Bilancio al 31 dicembre 2006, il primo redatto secondo i principi contabili internazionali IFRS / IAS, chiuso con un utile netto di 11,2 milioni di euro (+7% rispetto al 31 dicembre 2005), e la destinazione dell’utile stesso.

Il riparto dell’utile prevede la distribuzione di un dividendo di 1,00 euro per azione, il cui valore passa da 24,00 a 25,50 euro.

I risultati economici del 2006 evidenziano un ulteriore miglioramento delle performance già ampiamente positive del 2005, a conferma di come la Banca di Credito Popolare stia percorrendo con equilibrio e determinazione il percorso di crescita previsto dal proprio piano industriale.

In particolare, il conto economico della Banca di Credito Popolare evidenzia un margine di interesse pari a 63 milioni di euro, in aumento dell’ 8% rispetto al 31 dicembre 2005.

Il margine di intermediazione raggiunge, al 31 dicembre 2006, gli 84 milioni di euro, in crescita del 5% rispetto al dato del 2005.

La raccolta globale da clientela a dicembre 2006 raggiunge i 2.490 milioni di euro.

In linea con la politica aziendale di espansione dell’attività creditizia, i crediti verso clientela hanno fatto segnare un incremento del 13% rispetto al 2005, attestandosi a dicembre 2006 a 1.126 milioni di euro.

La consistente crescita delle masse intermediate, è stata accompagnata da innovazioni sui prodotti/servizi che hanno reso più aderente l’offerta all’evoluzione delle esigenze della domanda, con particolare attenzione ai diversi segmenti di clientela.

Nel 2006 la rete si è arricchita della filiale di Somma Vesuviana e, all’inizio del 2007, la Banca ha varcato i confini regionali con l’apertura di due filiali nel basso Lazio, precisamente a Cassino e Formia.

Relativamente alle cariche sociali, l’assemblea ordinaria ha confermato, per gli esercizi 2007/2009, i Consiglieri uscenti Angelo D’Amato, Ferdinando D’Amato, Luigi Gargiulo e Giuseppe Mainiero.

L’assemblea ha inoltre riconfermato l’intero Collegio Sindacale, composto dal Presidente, Lina Ferdinanda Mariniello, e dai Sindaci effettivi, Fortunato Abbagnano, Rosario Di Caterina, Sergio Palmieri e Antonio Palomba. Ha infine confermato l’intero Collegio dei Probiviri.

Il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2006 del Gruppo Banca di Credito Popolare – composto dalla capogruppo, dalla Immobiliare Vallelonga Srl e dalla Vallelonga Servizi Finanziari Spa – si è chiuso con un utile netto di 10,8 milioni di euro.

In seduta straordinaria, l’assemblea dei Soci ha approvato all’unanimità l’operazione di aumento del capitale sociale proposta dall’Amministrazione, il cui ammontare è di complessivi € 24.915.025, con l’emissione di n. 876.601 nuove azioni, delle quali n. 300.000 riservate a non Soci. Il rapporto di opzione è stato fissato in 1 nuova azione per ogni 12 possedute, al prezzo unitario di 25,00 euro. Le azioni riservate ai non Soci, sottoscrivibili con un lotto minimo di 500 azioni, sono emesse al prezzo unitario di 35,00 euro.

A conferma dell’impegno dell’Istituto in tema di responsabilità sociale, nel corso dell’Assemblea è stata inoltre presentata la quarta edizione del Bilancio Sociale.

Presidente della Banca di Credito Popolare è il dott. Antonino De Simone,
direttore generale il dott. Manlio D’Aponte.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono